Mozzarella come non l'avevo mai vista

Kobe Desramaults
Negli eventi gastronomici si trovano ogni tipo di persona, I food bloggers collaudati, quelli improvvisati, i giornalisti incalliti, che frettolosamente sfornano pezzi fast-food-writers. Poi trovi anche la gente che è li perché non sa cosa fare della propria vita. Io sembro includermi in quest'ultima categoria. Tutto sembro, fuori che una pizzaiola, cuoca e ristoratrice, che scrive di cibo per diletto. 
Da Lunedì 13 a Mercoledì 15 Aprile sono stata a Paestum, in provincia di Salerno, per Le Strade Della Mozzarella. Congresso internazionale di cucina d’autore con mozzarella di bufala.
L'evento si è svolto nel sontuoso Savoy Beach Hotel.
Mi sono presa qualche giorno di pausa dai fornelli, per conoscere questo evento, vedere da vicino la mozzarella di bufala campana DOP, la filiera produttiva e l'interpretazione dei grandi chef, che sotto gli sguardi del pubblico, si sono susseguiti nelle diverse sale, a creare meraviglie con l'eccellenza campana. Un spettacolo gastronomico indimenticabile. 
Qualcuno si chiedeva dove fossero finiti i Capaccesi. In paese, sembrava che i nativi ignorassero l'esistenza del congresso, molti ristoranti erano chiusi. Sinceramente non m'importava un fico secco di quello che non c'era. Ero felice di essere li, in una bellissima città, piena di monumenti greci e patrimonio Unesco, e questo non è un dettaglio da poco.
L'atmosfera dell'evento, fatta di buon cibo e gente simpatica, mi ha fatto ricordare che è divertente mangiare e che incontrare gente mi fa molto felice.
Ho lasciato la mia cucina per andare in mezzo a gente simpatica e talentuosa, che ogni giorno accudisce le bufale, prende il latte e fa mozzarelle da spedire in tutta l'Italia e all'estero. Una figata!
Al caseificio Barlotti ho incontrato i casari più simpatici di tutta la Campania. Eseguivano la mozzatura della mozzarella e mi sorridevano. Sentendo che sono brasiliana mi sorridevano ancora di più, aumentando la mia gioia. 
Ho conosciuto Raffaele Barlotti, che mentre visitavamo il suo caseificio, silenziosamente si aggirava fra tutti, curando che ci sentissimo a nostro agio, che fossimo felici.
Ho osservato da vicino il lavoro degli imperterriti Barbara Guerra e Albert Sapere, gli organizzatori del congresso, per me guerrieri gastronomici, perché una cosa cosi grandiosa non è certo una passeggiata.
Ho avuto il privilegio di conoscere il garbatissimo Antonio Lucisano, direttore del consorzio Mozzarella di bufala Campana DOP. Lucisano ti passa un piacevole senso di tranquillità ed eleganza. Non dimentichi più questo ambasciatore del gusto e del buon gusto.
La serata finale è stato un pizza party chic, con i migliori pizzaioli napoletani, champagne e musica all'Oleandri Resort Paestum. La gente era troppa, ma le risate che ho fatto con le persone interessanti con cui ho condiviso, cibo e vino, mi hanno nutrito l'anima.
Sono stata ospite con l'amica food writer Tania Mauri al Minerva Resort Paestum, un altro grandioso hotel, dove una mattina facendo colazione  da sola, nel grande salone, attorniata da tavole e sedie ricoperte di lino bianco, pensavo a come tutte le strutture della zona sembrino sempre pronte per un grandioso matrimonio.
 Oibò! Mi sono resa conto di non esserci mai stata ad un matrimonio napoletano! Cosa a cui voglio rimediare.
In mezzo al cammin di tanta roba, Andrea Lucisano parlandomi della raffigurazione di Dionisio che porge del vino a un pantera, mi ha riportato in mente l'arcano dei tarocchi “La Forza”, accendendomi una lampadina in testa, ma questo è argomento per un altro post.
Adesso a casa, elaborando le idee e sistemando parole per raccontare l'evento sulla mia rubrica e sul mio blog, realizzo che in quei giorni, assaggio dopo assaggio, è stata una vera scorpacciata! 
Ho fatto il pieno di calorie, ma accidenti, se è stato magnifico farlo con l'eccellente mozzarella di bufala!
Non era certo il momento adatto per domandarmi il perché la lattuga abbia meno calorie di una mozzarella. 
*Per altri dettagli ci sarà presto il pezzo nella mia rubrica sul giornale on line NUOVITALIA


Mary Valeriano

1 commento:

  1. Molto interessante conoscere la mozzarella di bufala, ottimo evento.

    RispondiElimina

Tu cosa ne pensi?