Food writter, perché scrivere di cibo mi piace

Chi segue mi da un po, sa quanto mi piace scrivere di cibo e non solo. 
Adesso sto dedicando più tempo alla scrittura, per questo ho accettato di collaborare con il giornale on line Nuovitalia, dove il 27 Febbraio ed è uscito il post che troviate anche qui nel blog sul Parabere Forum. Il secondo post è uscito il 07 Marzo. Parlo di Nazzareno Strampelli, mio bisnonno Gennaro Valeriano, ovvietà, immigrazione, amore... Se vi va di leggermi, cosa che mi fa molto piacere.
nazareno strampelliBuona lettura.
Alzerò un lembo sul velo di ovvietà in cui viviamo, per vederci un pochino più chiaro sul nostro pane. All'inizio del novecento, nei campi di grano in Italia, le piante a lunghi steli, si piegavano sotto la pioggia, il vento, o sotto il peso delle spighe mature. Spesso venivano consumate dai parassiti prima ancora del raccolto. In un estremo scenario di disuguaglianza fra ricchi e poveri, in cui il grano non era sufficiente per sfamare tutti. Il pane scarseggiava e molti andavano a cercare il pane in altre terre. Continua...


Mary Valeriano

Nessun commento:

Posta un commento

Tu cosa ne pensi?