A OGNUNO IL SUO PELLEGRINAggIO!

Sai quando ti perdi nei meandri di un film?
Anni fa guardando What a Beep do We Know (film alternativo di tematica quantistica) mi persi nella trama in cui la protagonista ricerca spiritualità e spiegazioni su come funziona l’universo. A un certo punto lei, in una stazione metropolitana (a ognuno il suo pellegrinaggio!), assiste una conferenza sull’acqua emozionale di Massaro Emoto. Confesso che in mezzo al cammin della quantistica, la cosa dell’acqua è stata facilmente dimenticata dalla mia scarsa memoria.
Finché settimana scorsa in Casa Baladin, ho sentito ancora una volta il discorso dell’acqua che assorbe energie, suoni, emozioni… Io e la mia amica Tania Mauri sentivamo le parole di Teo Musso, mastro birraio che lavora andando oltre la birra, anzi andando oltre tutto! Ovviamente non mi sono ricordata immediatamente del film. Dinnanzi a Teo la mia mente era presa da tutto quello che ancora aveva da dirci. Quello che ancora non sapevo, è che nonostante la sua generosità di racconti, nel salutarlo mi sarebbe rimasta l’impressione che ci fossero rimaste ancora tante cose da sapere.
Sentirlo parlare è accorgersene che il suo carburante sono le sue proprie idee, idee per nulla banali. Le sue parole sembrano provenire da pensieri che si autopensano (e non voglio confondervi, ma se può consolarvi, in tutto questo mi sentivo confusa anche io) . Lui si rende conto quando uno non lo segue mentalmente e puntualmente riaggancia in suo interlocutore riaffermando la semplicità del suo lavoro. Ci ha raccontato di come il suo mondo birraio sia stato costruito con azioni sorte da idee apparentemente folli, ma in realtà per lui chiare e coscienti. Teo sembra uno che ha l’orizzonte sempre più in là, una rarità umana che agisce nel nome delle proprie idee con libertà, autonomia e sfuggendo agli stereotipi.
tè a casa baladin Casa Baladin ti avvolge con la sua accurata struttura settecentesca. L’aria è colma di idee, musica, oggetti, sculture, fotografie… Eppure il mondo Baladin sembra un luogo di facile comprensione.
Quando a un certo punto credevo di star comprendendo tutto, Teo ci ha accompagnato al  pub stile circense dall’altra parte della strada, aprendo un’altra porta sul nostro pellegrinare. Poi camminando per le vie di Piozzo, in mezzo ai suoi racconti, arriviamo nella cantina dedicata a suo padre Enrico, un mondo a cui si accede attraverso un pesante portone di legno su un cortile ricostruito stile primi anni sessanta, una sorta di “tunnel del tempo”, fino alla cucina ricreata con oggetti d’epoca. Oltre la cucina si arriva nella cantina, dove in bariche dei migliori vini italiani, che mi hanno travolto con il loro odore, soggiornano in fase di ultimazione alcune birre di diversi gradi di complessità semplicità.
Aristotelicamente parlando “L’essere dice di se in molti modi”  e questo mastro birraio dice di se attraverso il benessere sensoriale e non solo con le birre! Tutto il mondo Baladin è composto da oggetti come input per attivare le endorfine, la biochimica del benessere… Fa effetto ritrovarci in quel mondo colmo della virtuosità di un uomo che ha esercitato le proprie virtù, portando fuori dal suo primo pub e fuori da Piozzo il messaggio che aveva dentro se stesso. Sembra un anima che ha come meta la realizzazione delle proprie virtù. Un animo nobile, non come qualcosa di innato, ma qualcosa di conquistato e continuamente ricostruito dalla propria costanza, perciò la sua è una storia che ha l’orizzonte sempre più in là.  MARY VALERIANO BIRRA BALADIN
Sai quando ti perdi nei meandri di un luogo?
Mi sono sentita persa dietro ai miei pensieri che sembravano lumacheggiare rispetto ai suoi, ma ho ritrovato me stessa quella sera al tavolo della squisita cena abbinata alle birre. L’ottimo cibo, l'eccellente compagnia di persone speciali e le birre che mi hanno conquistato il cuore e riportato a me stessa.
Se proprio ci va di pellegrinare alla ricerca di noi stessi, perdendosi e ritrovandosi, tanto vale farlo mentre si beve una buona birra, perché allora nulla ci sfuggirà più alla comprensione.  
Mary Valeriano Teo Musso birra BaladinPer un racconto dettagliato è cosa buona e giusta fare un giretto sul blog di Tania Mauri.
Per i racconti sulla sua vita c’è il libro su Teo Musso.

Mary Valeriano

2 commenti:

  1. Bellissimo racconto, ho sempre sentito parlare bene di questo mastro birraio e tu me lo confermi, grazie......

    RispondiElimina
  2. come hai reso bene tutto.... e molto di più... ;-)

    RispondiElimina

Tu cosa ne pensi?