Pasta Madre Day semplice condivisione del pane

Pasta Madre Day Mary Valeriano
Il pasta Madre Day di quest’anno era sulla bocca di tutti. Diversi articoli su ogni e dove, parlavano di questa bella condivisione collettiva di pane e pasta madre. Tutto nato senza alcuna spinta di sponsor. Tutto nato dalla intelligenza collaborativa di tanti e dalla testa del mio amico Food Nerd Ricardo Astolfi, che con la riuscita di quest’anno ha piacevolmente sorpreso tutti.
A Forlì la quantità di partecipanti era incalcolabile. Al centro commerciale biologico l’Ape Bianca sono arrivati in molti per la pasta madre. Alle 10 del mattino, quando hanno iniziato i ragazzi della Comunità del cibo Pasta Madre, c’erano già persone che gli aspettavano e per tutto il giorno un via vai continuo di chi prendeva lievito, chi chiedeva consigli e chi portava la propria pasta madre per una controllatina.
Io che avrei fatto un laboratorio dalle 14:00 alle 16:00, ho avuto le mani in pasta dalle 13:30 fino alle 19:00. Tutti abbiamo avuto da fare. Tutti felici di quella condivisione di lieviti, parole, consigli… Tutto molto ordinato. Tutto molto bello. Tutto molto gradito.
Il tavolo degustazioni era pieno di leccornie preparate da diversi spacciatori. Anche alcuni che non erano presenti, come l’intrepido Giggi, hanno preparato ricettine con pasta madre che erano sul tavolo.
pasta madre daySono state spacciate le 130 dosi di lievito preparate amorevolmente dagli spacciatori forlivesi, con rispettivo volantino ufficiale per rinfresco e panificazione, poi lo spaccio è proseguito con i 6 kg di lievito portati da me. Per finire in bellezza abbiamo fatto un gemellaggio e rinfresco dei lieviti presenti e spacciato anche quello.
Quante dosi abbiamo spacciato? Io non mi sono fermata a contare!
Oltre i diversi consigli e controllatine ai lieviti altrui, ho presentato la ricetta del mio ultimo Teglie di Montetiffi mary Valerianovideo “Semplicemente Pane”, impastato pan brioche e cotto al momento grissini, con l’aiuto di Enrica Bandini e del mio Bimbo Filippo.
C’era anche il pane fatto nella teglia di Montetiffi, Teglie in argilla prodotte artigianalmente da Maurizio Camilletti cell 329 2674297
Questa bella azione collettiva a Forlì è stata “innescata”  dalla spinta di Pamela Chiarini, la leadership dei fratelli Mario e Andrea Laghi, la coordinazione di  Davide Smiraglio, Andrea, Enrica Bandini, Gloria Salvatori, quelli di slow Food Forlì che sono venuti li ad aiutare, altri spacciatori che ora mi sfuggono nomi… e tutte le persone che venendo fin li a porci i loro dubbi e prendere il lievito ci hanno permesso di metterci alla prova con quello che crediamo di sapere sulla pasta madre e con quello che crediamo di sapere sugli essere umani.
Altre foto della giornata si trovano qui, si trovano anche qui e se volete altre, si trovano anche qui.

Mary Valeriano

4 commenti:

  1. Rosanna Parmeggiani3 febbraio 2013 04:16

    In mezzo a quella folla voi siete stati puro lievito. Grazie!

    RispondiElimina
  2. Un bellissimo evento, la prossima volta se riesco vorrò parteciparvi anch'io...

    RispondiElimina
  3. grazie per la terza g. è stato quasi come essere lì con voi, giuro.

    giggi

    RispondiElimina
  4. E' stato molto, molto bello. Eravamo tutti mossi dalla positività e dallo entusiasmo. Ho amato essere stata parte di questo ingranaggio di volontari volenterosi.

    RispondiElimina

Tu cosa ne pensi?