SLOW È MEGLIO

562479_299690063450708_299648820121499_642286_1319506815_nSabato scorso sono stata invitata allo Slow Food Day alla Torre di Oriolo dei Fichi, per un laboratorio di panificazione, assieme allo esperto di farine e grani antichi Claudio Pozzi (WWOOF Italia) e un Rappresentante di Civiltà contadina amante del recupero delle specie antiche di grano.
Dopo il mio tanto fare delle ultime settimane, ci stava proprio uscire dal mio microcosmo e andare a praticare lo Slow Life Style.

SLOW FOOD  mary valerianoAccanto a me l’amica Hande, anche lei spacciatrice conosciuta lo scorso Dicembre al pasta madre day 

Cosi io e Hande, una brasiliana e una turca, abbiamo impastato e spiegato pane e pasta madre ad un pubblico attento e partecipe.
Per me, che sono una cuoca e non un panettiere, spiegare panificazione è anche sentirmi un tantino impostora, so già che non mi ricorderò tutto quello che mi piacerebbe dire, perciò cerco più di mostrare come si manipola un impasto, piuttosto che fare avere alle persone ricette standard per panificare.
Preferisco riuscire ad svegliare nella gente la voglia di mettere le mani in pasta piuttosto che dargli una strada da percorrere fatta di ricette o formule “infallibili”. Di formule in giro ce ne sono già tante e panificare con pasta madre è un percorso che somiglia ad un pellegrinaggio, anche se lo facciamo in tanti, ognuno ne trae le proprie conclusioni e vantaggi più per merito proprio, che per merito di chi indica un percorso.
SLOW food mary valeriano day
Cerco di mostrare il fascino che c’è nell'assemblare gli ingredienti: acqua, farina, lievito, sale, olio… Cose che prese singolarmente sono piene di potenzialità, ma che assemblando, manipolando e cuocendo facciamo diventare pane. 

Cerco di far comprendere che preparare il proprio pane (soprattutto con lievito madre) è una sorta di percorso evolutivo che comprende il prenderci cura di noi stessi (e dei nostri cari) attraverso la preparazione di un buon cibo...
Nel frattempo ci erano arrivate voci che in giro c’era Carlo Petrini, ma sembrava quasi uno scherzo al quale noi gente Slow (stavo davvero incominciando a sentirmi  molto slow!) non da peso 
forno slow food day mary valeriano


L’antico forno a legna era più Slow di noi, sordo ai nostri comandi di fuoco e calore, ma se come Slow è meglio, non ci siamo preoccupati più di tanto. Siamo riuscite a mostrare quello che serviva per contagiare gli altri col nostro entusiasmo panificatore, abbiamo servito pane e focaccia con fiori di sambuco... Ancora non sapevamo che più tardi, quando i nostri pensieri sarebbero già altrove,  un prode uomo avrebbe estratto dal dimenticatoio forno tre pagnottine che avremmo mangiato di gusto al calar del sole.

slow food day calo Petrini mary valeriano


Dopo aver finito, io e Hande , assieme ad Andrea Balducci, con  
andamento lento e piacevole ci siamo diretti alla piazzetta sotto la torre per un cocktail alla fragola e merenda con fiori commestibili, ma tutto questo  ci avrebbe aspettato ancora un po’ perché a scendere la stradina... c’era veramente il Petrini con il fiduciario di condotta Simone Ravaioli!!! Allora siamo tornate indietro con loro a chiacchierare del più e del meno.

La serata l'ho finita al Postrivoro, ma ormai sono Slow e questo discorso lo farò in un prossimo post.
Nel frattempo potete gustarvi un'altro racconto di quel pomeriggio sul bellissimo blog di Silvia Lanconelli.

Mary Valeriano

Nessun commento:

Posta un commento

Tu cosa ne pensi?