LA PAPESSA sacerdotessa del mistero

La papessa è una sacerdotessa. La rappresentazione di Iside, la dea della notte profonda, fonte di ogni fecondità e trasformazione. E’ una donna in alleanza col mistero, in comunione con l’energia delle cose. Calma silenziosa e impenetrabile.

La clausura nel tempio, convento o chiostro viene simboleggiata dalla tenda, che suggerisce isolamento, attesa, solitudine scelta o subita. Il colore bianco del mantello, indica il desiderio di ricevere il calore di una passione amorosa, spirituale o creativa. L’azzurro del vestito corrisponde all’aria, soffio che alimenta la vita e sensibilità femminile. Il fuoco è l’ardore vitale, divorante. Il libro che tiene fra le mani rimanda allo studio della conoscenza.
La papessa è spesso vista come iniziatrice, maga o sacerdotessa. E’ una donna che crede nel formare coppia basandosi sull’unione delle anime.

Per me la papessa è come una di quelle donne che sembrano perennemente avvolte in un aura monalisiana (che pur se ci provo un sacco a me non riesce mai). Una sorta di donna del mistero. Quella che sa, anche se spesso sceglie di non dire. Insomma tutto il contrario di me, che prima parlo, poi penso, quando mi va bene.



Mary Valeriano

11 commenti:

  1. Calma, silenziosa ed impenetrabile?
    Eh, magari ricevessi questo beneficio attraverso l'immagine della Papessa.
    :-)
    Bellissima fotografia: il mondo degli arcani mi sembra davvero profondo ed antico.
    Grazie!

    RispondiElimina
  2. :D a chi lo dici!!!quante volte non utilizzo il filtro....
    e vabbè!forse è meglio dire le cose piuttosto che tacere e nascondere...

    RispondiElimina
  3. Ciao Amatamari!
    Mi fanno felici le tue parole :-)
    ******************
    Ciao Uhurunausalama!
    Mannaggia noi svellatori dei propri pensieri!!! Ti garantisco che spesso finisco per mangiarmi le mani e desiderare di essere come la pappessa, ma alla fine mi piacio cosi e continuo imperterita a blatterare

    RispondiElimina
  4. Parlare prima di pensare ... forse una Papessa al contrario.
    Ma in natura spesso gli opposti coincidono. Potremmo accorgerci di essere - senza saperlo - ciò che avremmo sempre voluto diventare.

    RispondiElimina
  5. Grandissima Mary!!!Alla fine chi ci ama ci segua ;)

    RispondiElimina
  6. Mi sa che ha ragione il Mangosi!
    Alla fine sono la papessa all'incontrario, o comunque il contrario della papessa...
    **************************

    Ciao Uhurunausalama (ma che razza di nome...)
    Comunque vedo che mia felicità, sembra proprio che dobbiamo proprio amarci e seguirci noi due... Dopo l'amicizia virtuale, magari potremo diventare "amici d'infanzia" :-)
    Grazie.

    RispondiElimina
  7. mi piace questa sacerdotessa... anch'io ci provo a diventar misteriosa ma propio non ci riesco...le parole scappano dallla gola e neanche la ragione riesce ad inseguirle... vabbene avremo altre qualità mary...;)

    RispondiElimina
  8. Dunque come si fa a diventare una papessa...no perchè ultimamente mi riesce tutto tranne essere una papessa!!!!mary aiuto!!

    RispondiElimina
  9. Calma! Ragazze... Mica tutti dobbiamo fare le papesse...

    RispondiElimina
  10. Acho que vou ter que trazer minha mãe pra conhecer seu blog. Ela vem de família de italianos, falei do seu blog e agora ela sempre diz: Quando entrar lá, me mostra que eu traduzo tudo pra vc...rs (tá...só se for de coração, porque de italiano mesmo ela conhece pouco, eu acho...rsrs).

    Vc conseguiu achar o hino nacional em libras? O do Jo Soares que eu falei? Se não, me avisa que eu mando o link. é muito bonito mesmo.

    bjo

    RispondiElimina
  11. Oi atre!
    Che amor, atua mae!...
    Deixa ela traduzir.
    Creio que uma palavra aqui e outra ali, muitas vezes funciona melhor que o tradutor do google que arraza con as expressoes idiomaticas.
    Eu nao achei o hino do jo. Gostaria que voce me mandassi pode me encontrar no facebook.

    bjo.

    RispondiElimina

Tu cosa ne pensi?